Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Progetto europeo Comenius, la scuola media di Spoltore accoglie le delegazioni straniere

Redazione
Condividi su:

Questa mattina, presso la Sala Consigliare del Comune di Spoltore, sono state accolte le delegazioni straniere del progetto europeo Comenius: ‘Diversity, our most precious treasure’, a cui la scuola media Dante Alighieri ha aderito in partenariato con altri istituti provenienti da Polonia, Francia, Spagna e Portogallo.

A dare il benvenuto agli ospiti, 16 alunni e 13 insegnanti, c’erano il sindaco Luciano Di Lorito, l’assessore alla Pubblica Istruzione Massimo Di Felice, i consiglieri Orazio d’Orazio, Carlo Spatola Mayo ed Edoardo Diligenti, il preside Bruno D’Anteo e la professoressa Laura Caronna, referente del progetto.

“È con immenso piacere che accolgo le delegazioni straniere nella nostra città – ha affermato il sindaco Di Lorito - L’iniziativa a cui la scuola di Spoltore ha aderito è molto stimolante e offre ai ragazzi l’opportunità di conoscere e apprezzare le diversità culturali dei loro coetanei. Un passo importante per crescere e vivere in un mondo sempre più integrato”. La pensa così anche l’assessore Di Felice: “Credo che questo progetto, dal titolo ‘La diversità, il nostro più prezioso tesoro’, miri a costruire una comune casa europea e contribuisca alla crescita culturale dei nostri ragazzi. Alle delegazioni straniere auguro una buona permanenza nella nostra splendida regione”.

“È una primavera ricca di colori e calore umano quella che si prospetta per i nostri alunni, pronti a stringere nuovi legami e a saper cogliere la bellezza della diversità”, ha concluso il preside D’Anteo. Dopo la cerimonia, le delegazioni straniere sono state accompagnate in una visita del centro storico. Durante il loro soggiorno, previsto fino a venerdì 19 aprile, saranno coinvolte in una serie di attività che consistono in lezioni per i ragazzi assieme agli studenti che li ospitano, visite guidate in alcuni dei posti più belli d’Abruzzo, sessioni di lavoro e scambio tra gli insegnanti.

Condividi su:

Seguici su Facebook