Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Bufera nel mondo del calcio: tra gli indagati Sebastiani, Quintero e Immobile

Condividi su:

Bufera nel mondo del calcio che potrebbe subire un nuovo scossone. Stamane, infatti, la Guardia di Finanza ha eseguito sequestri e perquisizioni nei confronti di 64 persone legate alla serie A e B. 

Le ipotesi di reato contestate sono quelle di evasione fiscale e false fatturazioni.

L'inchiesta, alla quale è stato dato il nome in codice "Fuorigioco", è condotta dai pm della procura di Napoli Danilo De Simone, Stefano Capuano e Vincenzo Ranieri coordinati dal procuratore aggiunto Vincenzo Piscitelli.

Secodo il quotidiano "La Repubblica", tra i tanti indagati delle varie squadre di serie A, figurano anche il presidente del Pescara Daniele Sebastiani e gli ex calciatori biancazzurri Ciro Immobile e Juan Fernando Quintero. 

QUESTO L'ELENCO COMPLETO DELLE PERSONE COINVOLTE 

Alessandro Moggi, Marco Sommella, Vincenzo Leonardi, Riccardo Calleri, Umberto Calaiò, Leonardo Rodriguez, Fernando Hidalgo, Aleandro Mazzoni, Edoardo Rossetto, Antonio Percassi, Luca Percassi, Claudio Garzelli, Giorgio Perinetti, Luigi Corioni, Gianluca Nani, Sergio Gasparin, Pietro Lo Monaco, Igor Campedelli, Maurizio Zamparini, Rino Foschi, Daniele Sebastiani, Andrea Della Valle, Oronzo Corvino, Alessandro Zarbano, Enrico Preziosi, Luciano Cafaro, Jean Claude Blanc, Alessio Secco, Claudio Lotito, Marco Moschini, Renato Cipollini, Aldo Spinelli, Adriano Galliani, Aurelio De Laurentiis, Tommaso Ghirardi, Pietro Leonardi, Pasquale Foti, Eduardo Garrone, Marino Umberto, Massimo Mezzaroma, Roberto Zanzi, Giovanni Lombardi Stronati, Francesco Zadotti, Sergio Cassingena, Massimo Masolo, Dario Cassingena. 

I giocatori: Gustavo German Denis, Quintero, Adrian Mutu, Ciro Immobile, Matteo Paro, Hernan Crespo, Pasquale Foggia, Antonio Nocerino, Marek Jankulovski, Cristian Chavez, Inacio David Fideleff, Ivan Ezequiel Lavezzi, Gabriel Paletta, Emanuele Calaio', Cristian Molinaro, Rios Pavon, Diego Alberto Milito

Condividi su:

Seguici su Facebook