Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Vaccini, in Abruzzo 17 hub vaccinali 70 spoke fissi e mobili dislocati su tutto il territorio

la redazione
Condividi su:

L'Assessorato alla Sanità ha deciso di aumentare gli slot disponibili sulla piattaforma di prenotazione dei vaccini anti-Covid, open day e open night riservati a bambini e over 50, team mobili dislocati sul territorio.

La Regione Abruzzo ha potenziato ulteriormente la campagna vaccinale con un attenzione particolare ai più piccoli e agli over 50 non ancora in regola con l’obbligo vaccinale che scatterà nei prossimi giorni. Il commento dell'Assessore alla Sanità Nicoletta Verì:

“La nostra rete  si è rivelata vincente, come riconosciuto in questi giorni anche dal generale Saverio Pirro, delegato della Struttura commissariale nazionale, che ha evidenziato come l’Abruzzo abbia superato di gran lunga i target di somministrazione fissati dal generale Figliuolo: la scorsa settimana la media è stata di 12600 inoculazioni giornaliere, con un consistente e costante aumento di prime dosi. Siamo tra le prime regioni italiane per efficienza, grazie all’impegno dei sanitari e dei volontari che stanno collaborando alla campagna.”

La rete regionale vede in campo ben 17 hub vaccinali 70 spoke fissi e mobili dislocati su tutto il territorio (comprese le 2 squadre dell’Esercito, al lavoro nei comprensori Chieti-Pescara e L’Aquila), coordinati dal referente regionale Maurizio Brucchi.

In Abruzzo l'83,63% della popolazione vaccinabile ha ricevuto almeno la prima dose, in linea con quella nazionale dell'83,05%. Il 3% della popolazione è in attesa della seconda dose mentre il 43% è in coda per la terza. Per quanto riguardano gli over-50 il 93% ha ricevuto almeno la prima dose del vaccino anti-Covid, l'88,5% la seconda ed il 55,6% la terza.

Entro il 31 gennaio saranno 40.492 i cittadini che dovranno ancora ricevere la prima somministrazione, anche se il numero è notevolmente inferiore dato che molti cittadini sono esenti dalla vaccinazione, i guariti da meno da 6 mesi e coloro che, pur residenti anagraficamente in Abruzzo, sono domiciliati altrove.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook