Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Duplice omicidio in via Tibullo: nuovi dettagli dalla scena del crimine

Madre e figlio uccisi con 40 coltellate

La redazione
Condividi su:

Sarebbero all'incirca 40 le coltellate inferte dall'ucraino Maksym Chernysh(26) sui corpi dilaniati del 23enne polacco Arkadiusz Miksza, e sua madre Krystyna (54) nell'abitazione di via Tibullo a Pescara.

E' quanto emerso dall'ispezione cadaverica eseguita ieri dal medico legale Ildo Polidoro. La donna sarebbe deceduta a causa delle coltellate, mentre il figlio, sarebbe morto a causa delle bastonate che gli hanno deformato il cranio.

Nell' abitazione i carabinieri del Nucleo investigativo, hanno trovato parte del manico della mazza da baseball che si sarebbe spezzata durante la violenta colluttazione. 

L'arma, si ricorda, usata dal 26enne ucraino, era stata trovata domenica all'interno del borsone abbandonato. A fugare ogni dubbio circa la causa della morte di madre e figlio sarà l'autopsia. 

Intanto proseguono i rilievi e gli accertamenti all'interno dell'abitazione dove si è consumato l'omicidio; proprio in base alle prime informazioni, pare che la donna sia stata aggredita davanti alla porta di casa quando stava per rientrare.

Condividi su:

Seguici su Facebook