Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

L'Amministrazione comunale di Montesilvano nelle scuole con il progetto "Sentinelle della Civiltà"

In occasione della Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità

la redazione
Condividi su:

Il 3 dicembre nel 1992 l'Onu ha istituito la Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità con lo scopo di sensibilizzare sul tema del diritto universale e di prendere parte attivamente ad ogni ambito della vita sociale, stimolare il dibattito ed il confronto sulla necessità di dar luogo ad una società equa e dialogante e di contribuire al superamento di ogni forma di razzismo e di esclusione. Il 30 giugno 2011 il Comune di Montesilvano fu uno dei primi in Abruzzo ad aderire alla convenzione Onu. Per ribadire l'importanza di questa giornata domani 3 dicembre l'Ufficio Disabili, attraverso Claudio Ferrante, andrà nelle scuole con  175 ragazzi delle terze medie per un totale di 8 sezioni dell'Istituto comprensivo Troiano Delfico. Il progetto andrà avanti anche lunedì 6 e martedì 7 dicembre 2021.

"Dal 2011 abbiamo fatto tanta strada grazie anche all'Ufficio Disabili, unico in Italia, che ogni giorno lavora per sgretolare le barriere culturali e architettoniche e per costruire un mondo più inclusivo, accessibile e sostenibile per tutti – spiega il sindaco Ottavio De Martinis che in passato ha ricoperto all'interno del Comune, di Montesilvano anche il ruolo di assessore alle Politiche sociali - . La scelta di istituire nella nostra amministrazione un consigliere delegato alle Politiche per le Disabilità è stata necessaria per guardare con più attenzione e cura alle persone disabili.

L'ultimo obiettivo, grazie alla determinazione del consigliere Manganiello e a quella di Claudio Ferrante, è stato raggiunto con il ripristino dell'Ufficio di Medicina Legale all'interno del nostro distretto sanitario. In questi anni sono state tante le iniziative attuate da Mare senza barriere, elogiata anche dal ministro Stefani come "modello da esportare in tutta italia a Mare per tutti, in collaborazione con gli stabilimenti balneari dove gli ombrelloni sono gratuiti per i turisti disabili; inoltre Sos Sordi, il trasporto a chiamata con Tua per eliminare le barriere culturali e tante altre azioni per le persone con disabilità".

"Il progetto Sentinella della civiltà che presenteremo domani nelle scuole ha un grandissimo valore pedagogico – spiega Claudio Ferrante -.  Si parlerà delle emozioni dei valori umani, dell'impegno civico, elementi con i quali i ragazzi capiranno l'importanza di diventare sentinella della civiltà. Questo importante percorso pedagogico si pone l'obiettivo di far capire il valore della diversità, intesa non come limitazione, ma come ricchezza e opportunità di crescita e confronto per tutti".

"Questo è un progetto unico ed io ho avuto modo di partecipare direttamente – afferma Giuseppe Manganiello, consigliere delegato alle Politiche per le Disabilità -. Più che una lezione di educazione civica è una vera e propria lezione di vita. Il progetto è molto richiesto nei comuni di tutto l'Abruzzo e non solo ed è adatto alle scuole di ogni grado a partire dalla primaria. Un ringraziamento alla dirigente scolastica della Troiano Delfico, Vincenza Medina e alle referenti scolastiche per l'inclusione, le professoresse Matilde Preziosi e Rosanna Faliciani".

Il Progetto "Sentinella della civiltà" si è svolto a partire da oggi nell'Istituto Troiano Delfico guidato dalla dirigente scolastica Vincenza Medina: "Il nostro istituto, anche quest'anno, organizzato con la preziosa collaborazione di Claudio Ferrante, disability manager del Comune di Montesilvano, vede un percorso di sensibilizzazione attraverso un laboratorio che coinvolge tutti gli studenti delle classi terze della secondaria di primo grado del nostro Istituto comprensivo. La pandemia non ci ferma. Gli incontri infatti, a causa dell'emergenza sanitaria in atto, sono svolti in videoconferenza attraverso l'utilizzo di piattaforme digitali. Durante tali incontri il dott. Ferrante, oltre ad approfondire i punti principali quali la Dichiarazione Universale dei diritti dell'uomo, la Convenzione Onu, le definizioni di disabilità, discriminazione, barriere culturali e architettoniche, offre spunti di riflessione sulla felicità e sulle emozioni anche al tempo del Covid. Il nostro obiettivo è quello di una scuola in cui gli alunni, a prescindere da abilità, genere, linguaggio, origine etnica o culturale, siano tutti valorizzati allo stesso modo. Si tratta di costruire una scuola in grado di formare cittadini responsabili, empatici, flessibili, aperti alla diversità, capaci di coltivare l'umanità di ciascuno".

Condividi su:

Seguici su Facebook