Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Droga, assembramenti e musica in Via Nino Sospiri

| di Andrea
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Due mesi fa ho reso pubblica la segnalazione riguardo a ciò che si verifica ogni notte in Via Nino Sospiri.

Per chi non ricordasse o non avesse letto il primo post, sotto la quercia situata nell'area sovrastante il Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci (nello slargo di via Sospiri, appunto), ogni notte, dalle 23:00 fino alle 4, si assembrano ragazzi che urlano, schiamazzano, mettono musica a tutto volume e fanno uso di alcol e stupefacenti, lasciando poi per terra e sul muretto del liceo tutti i residui e i rifiuti delle loro allegre nottate (questa mattina sono ben in vista i cartoni delle pizze, due siringhe, vetri rotti di bottiglie).

Nonostante avessi più volte avvertito la polizia, la risposta è sempre stata "Siamo troppo occupati", "Non è ancora successo nulla di grave, giusto?" (come se per intervenire dovesse scapparci qualche ferito).

In seguito al primo articolo pubblicato su IlPescara, il comandante della polizia, Danilo Palestini, ha finalmente risposto alle numerose email che avevo inviato da settimane, ma con tutta onestà mi ha fatto sapere che poteva fare ben poco.

Ho lanciato due idee, sicuramente realizzabili: o far passare ogni notte una volante della polizia (ricordiamoci che quello che sto segnalando è un luogo sensibile, i ragazzi buttano i rifiuti e le bottiglie dentro il campetto del Liceo), oppure installare delle semplici telecamere di sorveglianza accompagnate da cartello segnaletico.

La seconda proposta è stata quella più apprezzata, ma a distanza di due mesi nessuno si è fatto sentire e i ragazzi continuano indisturbati nell'illegalità.

Giro perciò di nuovo questo appello al comune e a chi di competenza.

Spero solo che il sindaco, Carlo Masci, non prenda come soluzione la distruzione della quercia con un martello. Due telecamere sarebbero sufficienti

Andrea

Contatti

redazione@ww.pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK