Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Oltraggio alle vittime dei bombardamenti, neofascisti depongono la corona scortati da polizia e vigili

Condividi su:

Stamattina nella ricorrenza dell'anniversario del secondo bombardamento di Pescara un gruppo di aderenti all'associazione "Audere semper" sotto la cui sigla militano gli esponenti locali di Forza Nuova hanno deposto una corona davanti alla lapide che ricorda la tragedia del 1943.

E' gravissimo che Questore e Prefetto abbiano consentito una manifestazione di questo genere che offende la memoria delle vittime della guerra che fu scatenata dai fascismi europei. Non sappiamo se sindaco e presidente della Provincia fossero informati, certo avrebbero il dovere di intervenire affinché non si ripetano più scene di questo genere. Il nostro partito è in questo momento fuori del Parlamento ma ci auguriamo che qualche parlamentare presenti interpellanze o interrogazioni.

Se le bombe che causarono tante vittime e distruzioni furono quelle sganciate dagli aerei alleati non c'è dubbio che quei bombardamenti furono una delle conseguenze della decisione sciagurata di schierare il nostro paese in guerra al fianco della Germania hitleriana. Il bombardamento di Pescara è una delle tragiche conseguenze delle barbare scelte di quel regime fascista a cui si rifanno queste Sturmtruppen nazionaliste e xenofobe nostrane.

Suona come una macabra presa in giro collocare una corona con la scritta "audere semper" davanti alla lapide. I cittadini che morirono sotto quelle bombe non avevano scelto di "osare sempre" visto che a decidere di entrare in guerra fu un regime che aveva soppresso tutte le libertà politiche e civili nel nostro paese.  

Quella retorica guerrafondaia fu utilizzata per mandare giovani a combattere in Spagna e in Africa negli anni '30 compiendo crimini che purtroppo scuola e tv dimenticano colpevolmente di ricordare. Quegli slogan trascinarono il paese in una guerra da cui uscì in macerie e con centinaia di migliaia di vittime innocenti.

Ricordo che il dannunziano "memento audere semper" fu il motto della famigerata Decima Mas del generale Junio Valerio Borghese che combattè al fianco dei nazisti contro angloamericani e partigiani diventando tristemente celebre per i suoi crimini contro civili e antifascisti, le rappresaglie, i rastrellamenti, le torture. Che Forza Nuova si ispiri a chi anche negli anni '60 e '70 cerco di rovesciare la democrazia repubblicana non ci stupisce ed è per questo che chiediamo da tempo che in applicazione della Costituzione vengano disciolte le organizzazioni neofasciste e neonaziste. Troviamo vergognoso che questi signori vengano scortati e protetti da polizia e vigili urbani a spese del contribuente.

Per onorare le vittime di quei bombardamenti ricordiamoci sempre il dovere di batterci per la democrazia e contro la guerra.

Condividi su:

Seguici su Facebook