Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Bike to Coast. La pista ciclabile "più lunga d'Europa" non esiste

| di CiclAT
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Giorni fa un gruppo di ciclisti di fuori regione, accompagnati da attivisti di FIAB PESCARABICI, hanno voluto percorrere la tanto pubblicizzata pista ciclabile Bike to Coast, da Pescara a Martinsicuro, per ammirare quella che, dalla nostra Regione, viene definita come la "pista ciclabile più lunga d'Europa".
 

Sorpresa delle sorprese, con grande delusione degli ospiti, hanno dovuto constatare che il percorso ciclabile continuo, che dovrebbe unire San Salvo ai confini con le Marche, semplicemente NON ESISTE!!!!
 

Sono stati realizzati, negli ultimi anni, alcuni tratti, con risultati spesso discutibili (dimensioni del percorso sempre ridotte al minimo della larghezza consentita - m. 2,50 - e a volte anche meno; errori progettuali gravissimi, quali raggi di curvatura inesistenti, cordoli pericolosi, segnaletica bizzarra e fuori norma, ecc.), ma il percorso continuo, che dovrebbe attirare milioni di cicloturisti nella nostra Regione, forse si concretizzerà tra qualche anno.
 

Nel frattempo, alcuni dei comuni che, con finanziamenti pubblici, hanno completato il loro tratto (spendendo più in eccentriche colorazioni che nella reale messa in sicurezza dei percorsi), non trovano di meglio che piazzare, settimanalmente, le bancarelle del mercato SULLA pista ciclabile, quasi il percorso per i ciclisti fosse uno spazio residuale, buono per tutti gli usi. Il resto dei percorsi, utilizzati come ampliamento dei lungomare, spesso risulta impercorribile in bici, vista la presenza di ambulanti, pedoni, corridori, ecc., ecc., costringendo i ciclisti ad utilizzare la strada carrabile.
 

Per il resto niente segnaletica, niente uniformità del percorso, progetti spesso inadeguati e decontestualizzati e mancanza di una regia comune.
 

Intanto la Regione ha incaricato l'Università di Pescara per la redazione di linee guida, che magari sarebbero state utili prima di realizzare e progettare le opere, e il tavolo delle associaizoni è stato dimenticato, dopo un paio di inutili riunioni.
 

Però, a parole, abbiamo la pista ciclabile più lunga d'Europa e sicuramente facciamo la figura più barbina del mondo con quei pochi turisti che, credendoci, vengono a visitarci per percorrerla.

CiclAT

Contatti

redazione@ww.pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK